Prospettiva Persona

Trimestrale di Cultura Etica e Politica
Prospettiva Persona n.95 - 96 - Gennaio - Giugno 2016

Prospettiva Persona N.95 - 96 - Gennaio - Giugno 2016

Da due anni almeno, come è noto, Prospettiva Persona si rinnova per meglio affrontare il complesso momento vissuto dall’editoria: quest’ultimo ci pare caratterizzato dai colpi della crisi economica, per un verso, e d’altro canto da un paradossale e irragionevole sovradimensionamento dell’offerta editoriale.

Continua

Editoriale

Le immagini di questo numero

Pensiero & Persona

Speciale Firenze 2015: sul “nuovo umanesimo”

Speciale “perdono”

Studî – Il giornalismo culturale in Italia A cura di A. Lombardinilo

Prospettiva Donna

Luca Capannolo - Dorothy Day: Delighted me
Nel dopoguerra, il giornalismo culturale italiano riscopre la funzione sociale e narrativa del reportage di viaggio nel Meridione d’Italia, dove storia, arte e tradizione costituiscono un insieme indissolubile, in territori spesso difficili, segnati dall’incuria e dal degrado. I brevi ma sapidi reportage di Flaiano e Manganelli rendono il giornalismo di viaggio un volano di costruzione identitaria, ispirato alle contraddizioni di un paese alle prese con la speculazione edilizia e l’ansia dei consumi, alimentati dal boom economico e dall’affermazione dell’industria culturale di massa. Di qui l’opportunità di leggere I foglietti napoletani di Flaiano e La favola pitagorica di Manganelli come testimonianze significative della bellezza e delle contraddizioni del nostro Meridione. Obiettivo, legare il processo di ricostruzione socio-culturale del Paese alla riscoperta delle sue attrattive e della sua quotidianità, nella scia della più autorevole lezione giornalistica culturale del Novecento.

In the post-war period, the cultural journalism rediscovers the social and narrative function of the travel report, especially in the Southern Italy, where history, art and tradition mingle in a indissoluble union. This happens above all in difficult places, marked by indifference and decay. The short but significant reports published by Flaiano and Manganelli make the journey journalism a means of identity construction, inspired by the contradictions of a country gripped by the planning speculation and the anxiety of consumes, bolstered by the economic boom and the diffusion of mass cultural industry. This is the reason why it is possible to read both Flaiano’s Foglietti napoletani and Manganelli’s La favola pitagorica as relevant evidences of the beauties and contradictions of Southern Italy. The aim is linking the socio-cultural reconstruction to the rediscovery of the Italian wonders and daily life, in the wake of the most reliable cultural journalistic tradition of the twentieth century.

Prospettiva Civitas

Angolo delle Muse

Recensioni