Prospettiva Persona

Trimestrale di Cultura Etica e Politica
Prospettiva Persona n.113 - 114 - Luglio - Dicembre 2020

Prospettiva Persona N.113 - 114 - Luglio - Dicembre 2020

«Prospettiva Persona», tra memoria e futuro
(di Flavio Felice)

Caro lettore,
dopo questo periodo difficoltoso per tutti, eccoci per confermarti che «Prospettiva Persona» grazie alla fiducia dei suoi fedeli lettori, continuerà a vivere, nonostante le immaginabili difficoltà economiche.

Per tener fede a una rivista scientifica che appartiene alla storia del personalismo europeo e internazionale, che ha avuto come primo presidente Paul Ricoeur, e che viene censita come «rivista italiana del personalismo» in Francia e
in varie nazioni europee ed extraeuropee, stiamo facendo il possibile per farla non solo vivere, ma anche per rilanciarla adattandola ai nuovi strumenti della tecnologia digitale e affrontando le nuove sfide che il nostro tempo richiede.

Continua

Editoriale

Flavio Felice - «Prospettiva Persona», tra memoria e futuro 
«Prospettiva Persona», Between Memory and Future

Le immagini di questo numero

Fiore Zuccarini Le immagini della collana Documenti dell’Abruzzo Teramano (DAT)
Photographical Documents Series of Teramo in Abruzzo (DAT)

Speciale «Mercato e democrazia. Cittadini responsabili» a cura di Flavio Felice

Paolo Del Debbio - Mercato e democrazia
Market and Democracy


L’articolo propone una riflessione sulla relazione tra mercato e democrazia, chiarendone i tratti distintivi e mettendoli in rapporto, con particolare riguardo al tema dell’uguaglianza formale, che lo Stato deve assicurare affinché vi sia una democrazia e dell’uguaglianza sostanziale che il mercato non può assicurare, considerando inoltre gli effetti che sulle democrazie nazionali hanno i mercati globalizzati.

The article’s propose is a reflection on the relationship between market and democracy, clarifying their distinctive features and relating them, with particular regard to the issue of formal equality, which the State must ensure so that there is a democracy and substantial equality that the market cannot ensure, considering also the effects that globalized markets have on national democracies.
Giulia Paola Di Nicola - Per un’autentica democrazia
For an Authentic Democracy

L’articolo analizza alcune aporie della vita politica contemporanea: la necessità dei partiti e la loro effettiva inconsistenza, l’importanza della qualità della democrazia e il suo soggiacere alla quantità dei voti, la centralità della cultura, la necessità di avere cittadini politicamente attivi e, al contempo, il rispetto della vita privata.

The article analyzes some aporias of contemporary political life: the need for parties and their effective inconsistency, the importance of the quality of democracy and its subjugation to the quantity of votes, the centrality of culture, the need for politically active citizens and, at the same time, the respect for private life.
Florindo Rubbettino - Imprese (responsabili) e persone
Businesses (Responsibility) and People

Negli ultimi anni il dibattito su come le imprese possano contribuire attraverso comportamenti responsabili a migliorare il benessere delle persone, dei territori e del pianeta è molto cresciuto. Concetti e pratiche tra loro molto diversi come quelli di: responsabilità sociale di impresa, economia civile, green economy, impact investing, economia circolare sono tutti al centro del dibattito e hanno tutti in comune la tensione all’immissione di comportamenti etici, responsabili e sostenibili nel campo dell’azione economic

In recent years, the debate on how companies can contribute to improving people’s well-being, territories and the planet through responsible behavior has grown a lot. Very dissimilar concepts and practices such as those of corporate social responsibility, civil economy, green economy, impact investing, circular economy are all at the center of the debate and all have in common the tension towards introducing ethical, responsible and sustainable behaviors in the field of economic action.
Paolo Savarese  - Democrazia e Mercato: ripensare i paradigmi della convivenza politica e dei sistemi economici?
Democracy and the Market: Does Rethink the Paradigms of Political Coexistence and Economic Systems?

Il saggio sfiora i paradigmi impliciti in nozioni quali “democrazia” e “mercato”. L’enorme pressione esercitata dall’emergenza sanitaria in atto esercita su di esse, sui loro presupposti, sulla possibilità di discuterne in maniera aperta e concludente, altera la discussione in proposito. Occorre ripensare la relazione tra istituzioni giuridico-politiche ed economiche, e l’essere umano e rendere leggibile il capovolgimento di senso che altera la socialità, distorcendo le più elementari caratteristiche del “riconoscimento” dell’essere umano.

The essay borders on the paradigms implicit in notions such as “democracy” and “market”. The enormous pressure exerted by the current health emergency on them, on their assumptions, on the possibility of talking about them in an open and conclusive way, alters the discussion on the subject. It is necessary to rethink the relationship between legal-political and economic institutions, and the human being, and to make readable the reversal of meaning that alters sociality, distorting the most elementary characteristics of the “recognition” of the human being.
Giulio Battioni - Libero mercato e diritti umani: sussidiarietà, empowerment, economia di scambio
Free Market and Human Rights: Subsidiarity, Empowerment, Exchange Economy

Il dibattito contemporaneo sull’economia globale, i diritti umani e la politica è stato di frequente “inquinato” dalle precomprensioni ideologiche del Terzomondismo. A fronte delle notevoli trasformazioni politiche (crisi degli istituti della rappresentanza democraticoparlamentare), economiche (interdipendenza produttiva-commercialefinanziaria mondiale), tecnologiche (rivoluzione informaticomultimediale) e culturali (relativismo – “politeismo dei valori”) prodotte dal processo di globalizzazione, la sussidiarietà, l’economia di scambio e i modelli educativi orientati alla promozione della libertà della persona umana offrono risposte significative alle obiezioni ideologiche anticapitaliste e alle domande di una società estremamente problematica.

Contemporary debate over global economy, human rights and politics has often been contaminated by ideological preconceptions of Third Worldism. Facing strong changes in democracy, business, technology and culture such as we are living through, we can opt for subsidiarity, exchange economy and educational models for human promotion and freedom. That would be enough to answer to the anti-capitalist objections and meet the needs of a complex society.
Fabio G. Angelini - La partecipazione politica tra asimmetrie informative e institutional design
The Political Participation between Information Asymmetries and Institutional Design

In un contesto nel quale sembrano trovare sostenitori anche nella società civile proposte che auspicano il superamento dei Parlamenti e del sistema della rappresentanza politica attraverso il ricorso a forme di democrazia diretta basate sull’utilizzo di piattaforme tecnologiche e su modalità di confronto secondo lo stile e le dinamiche dei social networks, il presente contributo intende proporre alcune chiavi di lettura per inquadrare il problema informativo/conoscitivo della politica dal punto di vista degli assetti istituzionali, sottolineando l’esigenza di un institutional design in grado di fornire incentivi volti a incrementare la qualità della partecipazione politica e di  preservare opportunamente quella relazione tra diritti fondamentali e doveri universali su cui si regge l’intero patto costituzionale.

In a context where proposals for the overcoming of Parliaments and the system of political representation seem to find support from civil society as a result of the consensus gathered by forms of direct democracy based on the use of technology platforms (e-democracy), this contribution intends to propose some reading keys to frame the information/cognitive problem of politics from a legal point of view, emphasizing the need for an institutional design that can provide incentives to increase the quality of political participation and to properly preserve that relationship between fundamental rights and universal duties on which the entire constitutional pact is based.
Mauro Bontempi - Economia di mercato e democrazia alla prova della pandemia
Market Economy And Democracy At The Test Of The Pandemic

Nel pesante clima socioeconomico del (post) Covid-19, ci si interroga sulla validità e vitalità dei modelli economico-sociali esistenti. Il saggio cerca di individuare nel binomio democrazia liberale-economia di mercato, i presupposti per una possibile exit strategy, incardinata sui principi della sussidiarietà e della solidarietà.

In the heavy socio-economic climate of the (post) Covid-19, one wonders about the validity and vitality of existing economic-social models. The essay seeks to identify in the binomial liberal democracy-market economy, the prerequisites for a possible exit strategy, based on the principles of subsidiarity and solidarity.

Prospettiva donna

G.P. Di Nicola - La radice antropologica della fedeltà
The Anthropological Root of Fidelity

L’articolo presenta il tema della fedeltà coniugale “nella buona e nella cattiva sorte” come conseguenza di una promessa che non scaturisce dall’imposizione dottrinale della Chiesa e dello Stato, ma inerisce alla profonda esigenza di ogni persona di non essere abbandonata, di amare ed essere amata nella continuità del proprio esistere, in modo da riconoscere se stessa e l’altro, al di là degli inevitabili mutamenti nel tempo. La fedeltà di Charles Péguy a Charlotte ne è conferma.

The article presents the theme of conjugal fidelity “in good times and bad” as a consequence of a promise that does not arise from the doctrinal imposition of the Church and the State, but belongs to the profound need of every person not to be abandoned, to love and to be loved in the continuity of one’s existence, in order to recognize oneself and the other, beyond the inevitable changes over time. Charles Péguy’s loyalty to Charlotte confirms this.
Lorenzo Scillitani - Una “ginecologia filosofica”? Noterelle in margine a Prospettiva Donna.
A Philosophical Ginecology? Brief Notes in the Marginof Prospettiva Donna

Nella presentazione delle figure mitiche classiche qui evocate è in gioco, ogni volta che si tratta di determinare un’identità personale, una questione – filosofica – di diritto: l’identità stessa si annuncia, per di più, come il contenuto di un diritto, non potendo risolversi in tema di un desiderio (di “possedere” un’identità), né tantomeno in un astratto “principio di ragione”. È questo il motivo per cui il desiderio non può essere, come tale, tradotto in pretesa giuridica; perché in quest’ultima il pensiero giuridico allo stato mitico prospetta, qualitativamente, molto più che un desiderio; l’aspirazione al riconoscimento supera la soddisfazione “finitizzante” del desiderio, rendendolo leva di una tensione all’infinito; la domanda “che sono?”, “chi sono?” prevale su qualunque “misura” della ragione.

In the presentation of the classical mythical figures evoked here is at stake, every time it is a matter of determining a personal identity, a question – philosophical – of law: identity itself announces, moreover, as the
content of a right, since it cannot be resolved in terms of a desire (to “possess” an identity), nor in an abstract “principle of reason”. This is the reason why desire cannot be, as such, translated into a juridical pretense; because in the latter, juridical thought in the mythical state prospects, qualitatively, much more than a desire; the aspiration to recognition overcomes the “finite” satisfaction of desire, making it the lever of a tension to infinity; the question “what am I?”, “who am I?” prevails over any “measure” of reason.
Teresa Tonchia - Ripensare il femminile
Re-thinking of the Feminine

La domanda “chi sono?” solleva il problema della soggettività/identità legata alla differenza sessuale. Maschile e femminile diventano forme di identificazione in un mondo dove entrambi rivendicano il loro essere nel mondo senza ricadere in universalismi astratti, ripensare il femminile si presenta come un modo per concepire il soggetto a partire dalla differenza del corpo sessuato dove maschile e femminile diventano entrambi l’uno rispetto all’altro.

Who am I? This question raises the issue of subjectivity/identity connected to sexual differences. The masculine and the feminine become forms of identification. Without falling back to abstract universalism, they both claim
their being in the world. The re-thinking of the feminine introduces itself as a way to conceptualize the subject starting from the difference of the sexed body where the masculine and the feminine both become The One and The Other.
Rossella Pace - Noi, le altre. Le donne del Partito liberale nella Resistenza: una minoranza nella minoranza
We, the Others. Women of the Partito liberale in the Anti-Fascist Resistance: a Minority Inside Minority

Contrariamente alla vulgata storiografica diffusa, molte famiglie delle élite borghesi di mentalità liberale, collegate tra di loro mediante reti profondamente radicate nella società, hanno avuto un ruolo importante nella Resistenza italiana contro l’invasione tedesca e la Repubblica Sociale Italiana. In tali reti le donne esercitavano una forte influenza, svolgendo spesso importanti funzioni manageriali nella guerra di liberazione, come nel caso dell’Organizzazione Franchi guidata da Edgardo Sogno. Negli anni del dopoguerra, tuttavia, il dominio dei partiti politici di massa e le divisioni interne del Partito liberale limitarono molti dei loro nomi e storie all’ombra.

Contrarily to a widespread historiographic vulgate, many families from the bourgeois liberal-minded élites, connected in deep-rooted networks, played a major role in the Italian Resistance against the German invasion and the Repubblica Sociale Italiana. In such networks women exercised a powerful influence, often performing pivotal managerial functions in the liberation war, as in the case of the Franchi Organization led by Edgardo Sogno. In the after-war years, though, the rule of mass political parties and the internal divisions in the Partito liberale confined many of their names and histories in the shade.
Cloe Taddei Ferretti - Intorno alla bibbia dell’amicizia
About Bible of Friendship

Si è tenuto il 21 novembre 2019 nella Chiesa Luterana di Napoli un incontro per riflettere sul libro La Bibbia dell’Amicizia. Brani della Torah/Pentateuco commentati da ebrei e cristiani, a cura di Marco Cassuto Morselli e Giulio Michelini, pubblicato nel gennaio 2019 dalla San Paolo.

A meeting was held on November 21, 2019 in the Lutheran Church of Naples to reflect on the book The Bible of Friendship (Songs of the Torah / Pentateuch commented by Jews and Christians), edited by Marco Cassuto Morselli and Giulio Michelini, published in January 2019 from San Paolo.

Ricordando

Lucia Stefanutti - Glori Cappello: una donna protagonista nella ricerca storico-filosofica
Glori Cappello: a Woman Protagonist in Historical-philosophical Research

Prospettiva Civitas

Maurizio Serio - Nella società distanziata
Inside the Social Distancing Society

L’emergenza sanitaria ha determinato uno stato d’eccezione in cui il confine tra governo e controllo è molto labile. Con la riduzione della legge a protocollo di sicurezza, si è fatto leva sul senso di responsabilità dei cittadini mentre si contraevano i loro diritti. Occorre indagare le ricadute politiche del distanziamento sociale.

The Covid-19 emergency has led Western societies to a state of exception in which the boundary between government and control is very blurred. With the reduction of the law to a security protocol, the citizens’ sense of responsibility was relied upon, while their rights were contracted. The political implications of social distancing must be investigated.
Antonio Campati - La democrazia e i suoi costi
Democracy and its Costs

Queste brevi riflessioni hanno due obiettivi: il primo è evidenziare il fatto che il sistema di finanziamento della democrazia è strettamente connesso con il suo funzionamento. Ciò è evidente specialmente per quanto riguarda la rappresentanza politica; il secondo è ricordare che la democrazia è un sistema politico che ha dei costi, anche dopo la fine della “democrazia dei partiti” e la nascita di nuove forme di partecipazione politica online. Ribadire questi due assunti è indispensabile per tentare di superare le visioni che descrivono in maniera troppo semplicistica la democrazia rappresentativa, le quali hanno largo seguito nell’opinione pubblica e che, di conseguenza, influenzano le decisioni della classe politica, sempre più ansiosa di dare seguito a ciò che il “popolo” desidera.

These brief reflections have two aims: the first is to highlight the fact that the system of financing democracy is closely connected with its functioning. This is especially evident about political representation. The second is to remember that democracy is a political system that has costs, even after the end of “party democracy” and the emergence of new forms of online political participation. Reiterating these two assumptions is crucial to overcome too simplistic visions on representative democracy that have widely followed in public opinion and which, consequently, influence the decisions of the political élite, which is increasingly anxious to follow up on what the “people” want.
Luca Mencacci - La miglior democrazia che il denaro possa comprare
The Best Democracy Money Can Buy

Sebbene nelle democrazie occidentali le elezioni vengono tenute regolarmente, il dibattito pubblico appare interamente controllato da élite economiche e finanziarie, che investono enormi quantità di denaro per determinarne l’esito. Grazie alla complicità dei media, i cittadini finiscono per diventare spettatori passivi dell’esproprio della loro sovranità.

Although elections are held regularly in Western democracies, the public debate appears to be entirely controlled by economic and financial elites, who invest huge amounts of money to determine the outcome. Thanks to the complicity of the media, citizens end up becoming passive spectators of the expropriation of their sovereignty.
Annamaria Merlini - Fondazioni di origine bancaria e misure di contrasto alle diseguaglianze
Foundations of Banking Origin and Measures to Combat Inequalities

Anche le fondazioni di origine bancaria si confrontano quotidianamente con progetti che esplorano le cause della disuguaglianza e cercano di mettere in campo buone pratiche per contrastarla. Il prossimo Congresso Acri del 2021, che si terrà a Cagliari, avrà quale tema proprio il contrasto alle disuguaglianze.

The foundations of banking origin are confronted daily with projects that explore the causes of inequality and try to implement good practices to combat it. The next Acre Congress of 2021, to be held in Cagliari, will have as its theme the fight against inequalities.

Prospettiva LOGOS

Settimio Luciano - Responsabilità e cura della vita
Responsibility and Care of Life

L’editoriale sottolinea l’intersecarsi e l’importanza di libertà e responsabilità come esercizio di relazione autentica e attenta alla vita degli altri e di sé. Hans Jonas, filosofo ebreo, e Alexander Spesz, teologo-psicologo slovacco, possono aiutare ad approfondire alcuni aspetti fondamentali dal punto di vista della relazione fra etica e metafisica; e dal punto di vista della relazione a due e del ripudio costitutivo della guerra.

The editorial highlights the intersection and the importance of freedom and responsibility as an exercise in an authentic and attentive relationship with the life of others and of oneself. Hans Jonas, Jewish philosopher, and Alexander Spesz, Slovak theologian-psychologist, can help to deepen some fundamental aspects from the point of view of the relationship between ethics and metaphysics; and from the point of view of the relationship with two and the constitutive repudiation of the war
Enzo Massotti - La teoria della responsabilità nel pensiero di Hans Jonas
The Theory of Responsibility in Hans Jonas’Thought

L’attenzione che Jonas dedica al concetto di responsabilità è dovuta alle sfide, sempre più invasive, della bioetica, capace di minacciare l’essere delle generazioni future. In tal senso, l’autore ravvisa una sorta di imperativo: «[…] agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un’autentica vita umana sulla terra», rivolto sia al politico che al genitore. Entrambi esercitano una responsabilità che si distingue per totalità, continuità, futuro, e rispondono di una responsabilità formale e per ciò che si deve fare. Sul perché dell’agire etico, Jonas sostituisce alle ragioni personali, che non sono garanzia di correttezza, quelle etiche, attingendo al pensiero di Max Weber.

The attention that Jonas devotes to the concept of responsibility is due to the increasingly invasive challenges of bioethics, capable of threatening the being of future generations. In this sense, the author sees a sort of imperative: “act so that the consequences of your action are compatible with the permanence of an authentic human life on earth”, addressed to both the politician and the parent. Both exercise a responsibility that stands out for wholeness, continuity, future, and answer for a formal responsibility and for what must be done. On the reason for ethical action, Jonas replaces personal reasons, which are not a guarantee of correctness, the ethical ones,drawing on Max Weber’s thoughts.
Ivan Sulik - Alcune opere del teologo slovacco Alexander Spesz
Some Works Of The Slovak Theologian Alexander Spesz

L’articolo offre una presentazione delle opere più importanti del teologo morale slovacco Alexander Spesz, il quale sin dagli anni Trenta fino alla fine del Concilio vaticano secondo ha avuto un grande influsso sulla formazione di tutti i sacerdoti in Slovacchia nel campo della teologia morale. L’articolo si occupa delle sue opere che si collocano al confine tra filosofia e psicologia, si dedicano anche ai fenomeni parapsicologici, e pone uno sguardo anche sulle opere che trattano gli argomenti propri alla teologia morale.

The paper offers a presentation of the most important works of the Slovak moral theologian Alexander Spesz who has influenced the moral theology formation of the priests in Slovakia from the 1930s until the end of the Second Vatican Council. The article deals with the cross-section of works that are on the boundary of philosophy and psychology, also examines parapsychological phenomena and offers an insight into the works of the author focusing on topics inherent in moral theology.

Studi Personalistici

Giorgio Campanini - Il 70° anniversario della morte di Mounier. Un impegnativo anniversario
The 70th anniversary of Mounier’s death. A challenging anniversary

In occasione del settantesimo anniversario della morte di Emmanuel Mounier, l’autore, si sofferma brevemente in queste brevi note sulle problematiche relative alla diffusione del suo pensiero agevolato dalla cessazione del “copyright”.

On the 70th anniversary of Emmanuel Mounier’s death, the author, in these notes describes the problems relating to the spreading of his thought facilitated by the cessation of “copyright”.
Lorenzo Alvisi - Emmanuel Mounier e l’originalità del progetto «Esprit»
Emmanuel Mounier and the revolutionary project of «Esprit»

A settant’anni dalla morte di Emmanuel Mounier (1905-1950), occorre riflettere sull’autentico significato del personalismo comunitario. Questa corrente di pensiero, sviluppatasi nel turbolento contesto degli anni Trenta, trova espressione nella rivista e nel movimento di «Esprit», rivelando la propria forza non in una precisa dottrina politica, ma in una riflessione antropologica che apre al dibattito e all’incontro.

Emmanuel Mounier died 70 years ago and this anniversary should invite us to reconsider the historical relevance of his intellectual militance. He has been the most important promoter of communitarian personalism, a philosophical movement which developed during the troubled Thirties and found correspondence in the periodical «Esprit». The principal goal and meaning of this project was not achieving a precise political doctrine, but demonstrating a new way of dialogue and communication, in order to re-consider human lives in a communitarian and plural dimension.
Francesco Postorino - Il postmoderno, l’incertezza e il volto. Una riflessione cristiana sulla persona
The postmodern, the uncertainty and the face. A Christian reflection on the person

In questo articolo ho provato a mostrare come la stagione del postmoderno tenda ad accomunare sempre di più storicisti, nichilisti e agnostici; mentre il cristiano, se ancora sente il grido della croce, mantiene la sua specificità!
Le prime tre sensibilità guidano la logica-mondo contro il secondo pronome e ripetono, con linguaggio inedito, la vecchia storia del male. La fede cristiana, aliena nel mondo, è invece l’unica che può far nascere il tu-persona.

In this article I will try to show how the postmodern season tends to unite more historicists, nihilists and agnostics; while the Christian, if he still hears the cry of the cross, maintains his specificity! The first three sensitivities guide the logic-world against the second pronoun and repeat, with new language, the old history of evil. The Christian faith, alien in the world, instead is the only one that can give birth to you-person.
Maria Chiara Mattesini - Luigi Sturzo: «un prêtre sec, maigre, noir: tout en nerfs»
Luigi Sturzo: a Gaunt, Wiry Priest, all Nerve

Un ritratto forse inedito di Luigi Sturzo, collocato nell’agorà di allora, quella delle piazze dei comuni di gran parte d’Italia, al fine di meglio comprendere come effettivamente faceva politica e quali erano le percezioni, le critiche e i commenti di cui, inevitabilmente, ma suo malgrado, era oggetto. Considerazioni che ci aiutano anche a fare chiarezza sulle differenze profonde che intercorrono fra popolarismo e populismo, termine, quest’ultimo, oggi molto presente nella dialettica politica. Lo stesso Sturzo fu definito un demagogo, oltre che un clericale.

This essay analyzes a new figure of Luigi Sturzo, during the meetings in much of the italian cities, for a better understanding on how he made policy and in order to comprehend forms and contents generated by his experience. This all brings to mind the differences between popularism and populism. This last is abundantly present in current political debates. Sturzo himself was considered “demagogue” as well as clerical.

Focus

Monica Simeoni - Una nuova modernità?
A New Modernity?

La modernità, come affermazione della razionalità e dell’individuo, sviluppatasi nella seconda metà dell’Ottocento, come esaltazione del progresso con un ruolo regolatore della Storia, ha evidenziato “il venir meno dei legami sociali”, in una segmentazione e frammentarietà della società. Il Novecento, in seguito, con il concetto di postmodernità, ha affermato che le tradizionali istituzioni del passato (i corpi intermedi), hanno perso la loro centralità in un processo di deistituzionalizzazione. Anche alla luce della pandemia globale del Covid-19 si auspica, quindi, una diversa globalizzazione per sconfiggere l’aumento delle diseguaglianze verificatosi in questo periodo così drammatico per l’umanità.

Modernity, as an assertion of rationality and of the individual, advanced during the second half of the nineteenth century as an exaltation of progress and, with the regulatory role of history, highlighted “the loss of social ties” involving a segmentation and fragmentation of society. The twentieth century, with the concept of postmodernity, has affirmed that the traditional institutions of the past (the intermediary bodies) have lost their centrality in a process of de-institutionalisation. In the light of the global Covid-19 pandemic, it is hoped that a different kind of globalisation may, therefore, defeat increases in inequality that have taken place during this period of drama for humanity.

Ricordando

Barbara Riccio e Nerina Rodinò - Lettera ad un’amica che non c’è più e In ricordo di Maria Antonietta de Meo Giusti

Recensioni

Libri ricevuti