Prospettiva Persona

Trimestrale di Cultura Etica e Politica
Prospettiva Persona n.104 Aprile - Luglio 2018

Prospettiva Persona N.104 Aprile - Luglio 2018

La democrazia diretta nel “partito digitalizzato” L’illusione della partecipazione

(di Atiilio Danese)

Quanti auspicano soluzioni del ’68 fondamentalista, puntano sulla sempre reclamata e mai realizzata “democrazia diretta”: la partecipazione di tutto il popolo al governo, resa possibile dalla cosiddetta e-democracy, che sarebbe la nuova risolutiva frontiera tecnologicoantropologico-
politica della partecipazione democratica.
Ai filosofi di Platone si sostituiscono così i detentori di potenti mezzi di comunicazione e di pubblicità attraverso la rete.

Continua

Editoriale

Le immagini di questo numero

Walter Amirante - Luci e ombre in Michelangelo
Michelangelo, lights and shadows


Michelangelo, colui che portò all’apoteosi il Rinascimento. Personaggio straordinario, capace di opere
sublimi, ma non privo di contraddizioni e antinomie, come quelle presenti in una delle sue opere
più celebri: il Giudizio, grandioso e terribile a un tempo, insolubile punto interrogativo della Cappella
Sistina. Probabilmente specchio di quel periodo storico, carico di bellezza, novità, intrecci e
contraddizioni.

Michelangelo, he who brought the Renaissance to apotheosis. That extraordinary character, capable of
sublime works, but not free from contradictions and paradox, as with those in one of his most celebrated
works: The Last Judgement, great and terrible at the same time, the insoluble question of the Sistine
Chapel; probably a mirror of this historical period, full of beauty, novelty, knots and contradictions. .

Pensiero e Persona Il Maritain di Piero Viotto

Giovanni Battista - Re Piero Viotto: un grande amico
Piero Viotto: a great friend

L’articolo si precisa intorno al rapporto tra Jacques Maritain e papa Montini, così come messo in luce
dagli scritti di Piero Viotto. Egli, nelle sue varie ed apprezzate pubblicazioni, ha evidenziato la profondità
del pensiero di Paolo VI e di Maritain, come pure ha ben illustrato i rapporti fra i due, le loro
relazioni epistolari nei primi anni e dopo le conversazioni personali, ponendo in risalto la vera amicizia
che li univa.

The article provides details on the relationship between Jacques Maritain and Pope Paul VI, as brought
to light by the writings of Piero Viotto. In his various esteemed publications, he highlighted the depth
of the thoughts of Pope Paul VI and Maritain, while also illustrating the relationship between the two
great men, their epistolary relationships in early years and later their personal conversations. He also
emphasized the true friendship that brought them together.
Vittorio Possenti - Piero Viotto e Maritain nella cultura italiana
Piero Viotto and Maritain’s philosophy into Italian culture

In questo studio si rileva come Piero Viotto abbia aiutato l’ingresso del pensiero di Maritain nella
cultura italiana, e in quella universitaria. Nell’accostamento a Maritain, egli privilegiò con validi motivi
il tema pedagogico-educativo, e di ciò danno testimonianza le sue opere scaglionate tra il 1957 e la metà
degli anni ’80. Con la ?ne del secolo scorso e l’inizio del nuovo comincia invece la fase forse più ricca
della sua attività con i Dizionari delle opere di Jacques e poi di Raïssa, il volume sui grandi amici dei
Maritain e quelli sul pensiero moderno e contemporaneo del ?losofo francese.

This study reveals how Piero Viotto helped Maritain’s philosophy enter into Italian culture, and into
university culture. In his approach to Maritain, he justi?ably privileged the pedagogical-educational
theme which is testi?ed by his works spread out between 1957 and the mid-1980s. At the end of the
last century and the start of the new one however, perhaps the richest stage of his work begun with
his Dizionari delle opere of Jacques, and then Raïssa, Maritain, the book on Maritain’s great friends,
and his writings on the modern and contemporary thought of the French philosopher.
Rafael Pascual - La vocazione di P. Viotto alla ricerca e all’insegnamento
The vocation of P. Viotto to research and teaching

Il saggio è una testimonianza sulla vocazione alla ricerca e all’insegnamento di Piero Viotto. Sono ricordati
i suoi interventi presso l’Ateneo Ponti?cio “Regina Apostolorum” di Roma. Riprendendo il
pensiero di Marañón, individua in Viotto una vocazione “di alta categoria”, che presuppone un’attitudine
che in lui non era assente: «per scoprire, per scrivere, per insegnare bisogna servire», si richiede
una «speci?ca attitudine a servire l’oggetto dell’amore».

This essay is a testimony on Piero Viotto and his vocation for research and teaching. It recalls his
many talks at the Ponti?cal Athenaeum ”Regina Apostolorum” in Rome. Throughout the long years of
collaboration, there was no lack of frequent contact and human exchange which the writer underlines.
Citing Marañón, these show Viotto’s “top category” vocation, which requires an attitude which he was
not lacking: “to discover, write, teach, you must serve”, requiring a “speci?c attitude to serve the object
of love”.
Carlo Nanni - “Per una ?loso?a dell’educazione secondo Maritain”
For a Philosophy of education according to Maritain

Piero Viotto ha messo in evidenza come J. Maritain non sia stato un pedagogista, ma un ?losofo e nello
speci?co un ?losofo dell’educazione, da cui, peraltro, si possono ricavare molte suggestioni, specie per
ciò che riguarda il ?ne dell’educazione strettamente legato alla visione dell’uomo, del mondo e della
vita.

Viotto is remembered, like Maritain, not in his role as a pedagogue, but as a philosopher and more
speci?cally, a philosopher of education, wherein, perhaps, one can draw many suggestions, particularly
those concerning the aim of education, which is closely linked to the vision of man, the world and of
life.
Samuele Pinna - Un amico, un maestro e un testimone della fede
A Friend, a Teacher and luminous witness of Faith

L’Autore si sofferma sul ricordo personale di Piero Viotto considerato maestro, amico e testimone
luminoso della fede.

The author dwells on his personal memory of Piero Viotto, considering him his teacher, friend, and
virtuous testimony of faith.
Samuele Pinna - In Memoriam
In Memory

Nell’omelia, a commento della Liturgia e delle Letture, il celebrante colloca Piero Viotto, sulla scia
di san Tommaso e di Maritain, ha insegnato la via difficile della santità dell’intelligenza: il saper
cioè affrontare i problemi, di qualsiasi natura (spirituale e materiale, filosofica e teologica, politica e
individuale) con la primaria capacità di ascoltare Dio.

The homily, commenting on the Liturgy and Readings, the celebrant commemorates Piero Viotto. In
the wake of Saint Thomas and Maritain, Piero Viotto taught the difficult way of the sanctity of
intelligence: knowing how to tackle problems of any kind (spiritual and material, philosophical and
theological, political and individual) with the primary ability of listening to God.

Studi

Andrea Lombardinilo - Tra Romanticismo e crisi della modernità - Parte II
Between Romanticism and the crisis of modernity

Il saggio si sofferma sul rapporto tra storia, narrazione e «significato della vita» negli scritti di Ennio
Flaiano. L’obiettivo è approfondire la dimensione narrativa dell’impegno intellettuale, in modo da
definire le linee guida di una presunta sociologia del medium narrativo. Egli è infatti stato tra i più sagaci
interpreti della società mediale: i miti del progresso e della memoria collettiva campeggiano sempre in
primo piano nei suoi scritti e nel suo romanzo, Tempo di uccidere. Quest’ultimo si ispira anche alla
morale dei Promessi sposi, di cui eredita lo studio dei suoi personaggi principali, assurti a emblemi civili
dell’Italia unita, anche grazie all’azione educativa e critica svolta da scuola e università.

This essay revolves around the relationship with history, narration and «meaning of life» in Ennio
Flaiano’s writings. The purpose is to probe the narrative dimension of Flaiano’s intellectual engagement,
so as to define the guidelines of his alleged sociology of the narrative medium. As a matter of
facts, he has been perhaps the most sagacious interpreter of the medial society: the myths of progress
and collective memory are still in the foreground of his works and especially in his novel, Time to kill.
The latter was also filtered through the moral of The Betrothed, and through the study of its principal
characters, who have become civil emblems, also thanks to Italian school and university.
Cecilia Costa - I concetti di persona e di relazione - Parte II
“Person” and “relationship” concepts

L’adozione della metodologia umanistica e del paradigma relazionale, evitando il sociologismo e
«salvaguardando l’idea di persona», possono aprire alla teoria sociologica nuove piste di indagine,
facilitare nuove alleanze disciplinari e allargare gli ambiti investigativi sui fenomeni oggetto di studio.

The adoption of the humanistic methodology and the relational paradigm, avoiding sociologism and
”safeguarding the idea of person”, can open new investigative paths to sociological theory. Moreover,
it can facilitate new disciplinary alliances and widen the investigative fields on the phenomena object
of study.
Dario Antiseri - Flavio Felice - Liberi e solidali
Free and supportive

Le posizioni di Hayek, di Popper, di Einaudi e di Friedman stanno a dimostrare che la prospettiva
liberale può essere profondamente solidale. In definitiva, le prospettive qui brevemente presentate,
pur nelle differenze, assumono tutte un comune principio liberale: lì dove c’è miseria, la libertà non
ha cittadinanza e, dove la libertà non può esprimersi, la miseria non trova ostacoli.

The Hayek’s, Popper’s, Einaudi’s and Friedman’s positions demonstrate that the liberal perspective
can be profoundly supportive. Ultimately, the visions briefly presented here, despite the differences,
all assume a common liberal principle: where there is misery, freedom has no citizenship and, where
freedom cannot express itself, misery finds no obstacles.

Prospettiva Donna

Daniela Merlo - Una nobildonna e le prostitute
A Noblewoman and The Prostitutes: M.M. Frescobaldi Capponi

Maria Maddalena Frescobaldi Capponi: una nobildonna fiorentina attenta alle sfide del suo tempo, soprattutto
verso le donne più svantaggiate: le prostitute. Sfidando il puritanesimo dei suoi concittadini
percepisce nel loro disagio interiore un appello di liberazione. L’educazione diventa la via privilegiata
per sfatare miti ostili e obsoleti, far rifiorire la loro dignità svilita e abusata e sperimentare la felicità
della vita.

Maria Maddalena Frescobaldi Capponi, a Florentine noblewoman attentive to the challenges of her
time, above all to the most disadvantaged of women: prostitutes. Challenging the Puritanism of
her fellow citizens she perceives in their interior discomfort a call to freedom. Education becomes the
privileged way to dispel hostile and obsolete myths, to allow their debased and abused dignity to blossom
again and to experience the happiness of life.
Cloe Taddei Ferretti Tenebre, oscurità, notte nella Bibbia
Darkness, obscurity, night in the Bible

Il tema delle tenebre è considerato a livello biblico in alcuni brani che mostrano connessioni riguardo
al simmetrico tema della luce. A sua volta, la luce è considerata come simbolo non solo della vittoria
divina sulle tenebre a livello sia fisico che conoscitivo e morale, ma anche della capacità della persona
umana di trascendere se stessa nel trascendere le tenebre dei vari eventi della vita.

The subject of darkness is considered at biblical level, within some passages which show their connection
with the corresponding subject of light. In its turn, the light is considered as a symbol not only of God’s
victory over darkness at physical, cognitive, and moral levels, but also of the capability of human
person of transcending themself by transcending the darkness of the various events of life..

Prospettiva Civitas

Monica Simeoni - L’Italia e l’Europa tentate della popolocrazia
Italy and Europe attempted by people-cracy

Le tendenze populiste sono caratteristiche dei momenti di crisi. Una crisi non solo politica ma anche
di una democrazia rappresentativa che sembra sempre più lontana dai cittadini e dalle loro istanze. Il
populismo e il sovranismo, contro l’Europa dei migranti (e dell’islam) sta avanzando in molti Paesi
europei, ad ogni elezione politica, in ogni formazione e Movimento politico. Siamo in una situazione
di popolocrazia. Ma per evitare la strumentalizzazione del popolo e della sua identità occorre tornare
al significato originario popolare di don Sturzo, e ad un concetto di persona non isolata ma attiva e
titolare di diritti in un’Europa aperta e non chiusa.

Populist movements are characteristic of moments of crisis. A crisis not just political but also of a representative
democracy which seems increasingly distant from citizens and their demands. Populism
and sovereignty against the Europe of migrants (and of Islam) is advancing in many European countries,
at every political election, in every organisation and political movement. We are in a situation
of populocracy. But to escape the exploitation of the populace and of its identity, we must turn to the
original poplular meaning of Don Sturzo and to a concept of a person who is not isolated but active
and entitled to rights in an open and non-closed Europe.
Anna Di Monte - Paola Bertazzi - Il “Progetto Fa.C.E.”
The “Fa.C.E. Project”

Il progetto Fa.C.E, nato nel Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, intende realizzare
una comunità di educanti, al cui centro siano poste famiglie e genitori, a partire da quelle che vivono
una condizione di marginalità economica e sociale. L’obiettivo è quello di accrescere la solidarietà e la
partecipazione al fine di favorire la responsabilizzazione comune nel processo educativo dei più piccoli.

The Fa.C.E. project was born in the Fund for the fight against child poverty education. It intends to
create a community of educators, at the center of which we have families and parents, starting from
those who live in a condition of economic and social marginality. The goal is to increase solidarity and
participation in order to promote common accountability in the educational process of children..

Prospettiva Λογος

Settimio Luciano - Intervista a sr. Mary Melone
Interview with sr. Mary Melone

Viene intervistata suor Mary Melone, rettore magnifico della pontifica Università Antonianum, in un
percorso che va dalla vita personale alla considerazione del ruolo e della posizione della donna nella
Chiesa dal punto di vista storico e teologico.

Here is an interview with Sister Mary Melone, the magnificent rector of the Pontifical University of
St. Anthony, on a journey which goes from the personal life to the consideration of the role and position
of women in the church from the historical and theological viewpoint
Marcello Paradiso - Adrienne Von Speyr
Adrienne Von Speyr

Viene presentata la figura della teologa-mistica Adrienne von Spyer nel suo rapporto culturale e d’amicizia
col teologo von Balthasar. Ogni aspetto della sua spiritualità viene riletto alla luce del Dio
Unitrino.

Presented here is the figure of the mystical theologian Adrienne Von Spyer who speaks of the cultural
rapport and friendship with the theologian Von Balthazar and of his spirituality where one re-reads
every aspect in the light of the Triune God.
Katherine Rondou - Les fantasmes de Gautier et Balzac
Salvation of Self. Between Antiquity and Christianity

L’articolo analizza il fascino della donna attraverso la rilettura letteraria in due romanzieri (Gautier e de
Balzac) attraverso uno studio originale sui capelli di alcune eroine dei loro romanzi ma che si rifanno,
in un modo o nell’altro, alla figura della Maddalena.

The article aims to examine the fascination of woman through the literary rereading of two novellists
( Gautier and Balzac) through an original study of the hair of some of the heroines of their romances,
but which refer, in one way or the other, to the figure of Mary Magdalen.

Speaker Corner

Nunzio Bombaci - Università e abilitazione: tutto cambia affinché nulla cambi
Everything Changes but Nothing Changes

La Riforma Gelmini prevede che i professori universitari siano reclutati tra gli studiosi che abbiano
conseguito l’Abilitazione Scientifica Nazionale, al fine di riconoscere la maturità scientifica dei candidati.
Tuttavia questa aspettativa è stata disattesa. L’articolo enuclea alcuni elementi di criticità della
riforma, che non innova realmente le procedure consuete, gestite ancora in modo tale da precludere
una selezione degli studiosi meritevoli.

The Gelmini Reform states that University professors be recruited from those scholars who have qualified
with the National Qualification for Science, in order to recognise the scientific maturity of the
candidates. However, this requirement was disregarded. The article gets to the heart of some critical
aspects of the reform, which is not a true innovation of procedures which are still managed in such a
way as to preclude the selection of the most worthy scholars.

Recension

Libri ricevuti