In evidenza

Prospettiva Persona - Trimestrale di Cultura Etica e Politica

Prospettiva Persona N.107 - Gennaio - Aprile 2019

Luigi Sturzo: popolare perché anti populista

(di Flavio Felice)

 

Cento anni di storia di democrazia, il ricordo di un “fatto” che, stando al giudizio di Federico Chabod, a rappresentato l’avvenimento più significativo della storia italiana del XX secolo: la fondazione del Partito Popolare a opera di Luigi Sturzo il 18 gennaio del 1919 «costituisce un fatto di estrema importanza, l’avvenimento più notevole della storia italiana del XX secolo». È stato Giovanni Spadolini a cogliere nell’aconfessionalità e nella laicità del progetto politico sturziano «un’autentica rivoluzione»: «il taglio netto fra clericalismo e cattolicesimo sociale, la rivendicazione perfino orgogliosa – da parte di un sacerdote – dell’autonomia dei cattolici nelle sfere della vita civile».

Una vicenda legata all’appello A tutti gli uomini liberi e forti, che, a detta di Gabriele De Rosa, può essere considerato uno dei documenti di maggiore impegno civile della nostra letteratura politica, una «carta d’identità perfettamente laica, senza riserve e pregiudiziali clericali di nessun genere».

Continua

Sostienici abbonandoti alle nostre riviste

Abbonati ora