Invito per salotto del 13 e del 15 gennaio 2016

Comunicato stampa - Invito per il Salotto culturale (13 e 15  Gennaio 2016)

Il 13 Gennaio 2016 alle ore 17,45 il Salotto culturale "Prospettiva Persona" ( con patrocinio di Fondazione Tercas, Ministero per i Beni artistici culturali e turismo, Ufficio per il progetto culturale della Diocesi di Teramo Atri e Arciconfraternita SS. Annunziata)  inaugura la sessione invernale    della XVI edizione.  Viene proposto un approfondimento storico iconografico  della scultura lignea della Madonna delle Grazie, conservata nella teca che sovrasta l'altare maggiore del Santuario francescano di Teramo.

La scultura policroma, è una pregevole opera collocabile attorno all'ottavo decennio del XV secolo ed assegnata alternativamente a Silvestro dell'Aquila o Giovanni di Biasuccio, entrambi comunque maestri aquilani di formazione fiorentina. Il capolavoro rinascimentale sarà illustrato da Germano Boffi, storico dell'arte ed Emanuela Verdone, guida turistica.

------------------------------------------------------

Venerdì 15 gennaio 2016  alle ore 17,45  il Salotto culturale "Prospettiva Persona" nei locali di Via N. Palma 33  a Teramo  propone il Venerdì dantesco,  nel 750 della nascita del poeta, a cura di Benedetto di Curzio, con esame critico e lettura del   canto XXII.

Argomento del Canto

I dieci diavoli dei Malebranche scortano Dante e Virgilio lungo l'argine della V Bolgia dell'VIII Cerchio (Malebolge). Incontro con Ciampòlo di Navarra, uno dei barattieri, che indica altri dannati (frate Gomita e Michele Zanche). Inganno di Ciampòlo ai danni dei diavoli. Fuga dei due poeti. È la mattina di sabato 9 aprile (o 26 marzo) del 1300, tra le sette e le otto.

 

G. Stradano, I barattieri (1587)

 

Noi andavam con li diece demoni. Ahi fiera compagnia! ma ne la chiesa coi santi, e in taverna coi ghiottoni...  Tra male gatte era venuto 'l sorco; ma Barbariccia il chiuse con le braccia e disse: "State in là, mentr'io lo 'nforco"...  Ma l'altro fu bene sparvier grifagno ad artigliar ben lui, e amendue cadder nel mezzo del bogliente stagno...

 

 

S. D'Antonio