Ritorna la guida all'ascolto al Salotto culturale del 5 marzo 2014: il concerto per violino n.5 di Beethoven

Pubblicato il 28-02-2014

Mercoledì  5 marzo 2014 alle ore 17,45  nei locali della Sala di Lettura “Prospettiva Persona”  proseguono gli incontri del Salotto Culturale con il ciclo Do Re Mi Incursioni nel mondo dei compositori a cura di Benedetto di Crurzio.

L’incontro sarà dedicato al “Concerto per violino n. 5" di W. A: Mozart.

 

La cittadinanza è invitata


APPROFONDIMENTO:
La composizione del Concerto per violino e orchestra n. 5 in La maggiore K 219 fu terminata da W. A. Mozart il 20 dicembre 1775. Costituisce il quinto, e forse il maggiore, dei cinque concerti per lo stesso strumento attribuibili con certezza al compositore.

È certamente il più eseguito dei concerti per violino del compositore ed in esso lo strumento solista è trattato con maestria (non si dimentichi che Mozart era un valente violinista). La bellezza melodica, la forte contrapposizione dei singoli movimenti, l'uso sicuro delle possibilità espressive dello strumento tutte presenti non sono portate ai massimi livelli. Si deve in ogni caso tener conto che quest'opera esce dalla mente di un Mozart diciannovenne e che questi non si cimenterà più in questo tipo di composizioni.


© Centro Ricerche Personaliste di Teramo