Lunedì 30 maggio al Salotto culturale Antonio Zimarino illustrerà Rembrandt ( Il figliol prodigo)

Comunicato stampa

 

Lunedì 30 maggio alle ore 17,45 nei locali della Sala di Lettura “Prospettiva Persona”  incontro dedicato  al pittore Rembrandt Harmenszoon van Rijn, con analisi approfondita dell’icona del Figliol Prodigo. Ospite  come relatore  il prof. Antonio Zimarino  di Pescara

La cittadinanza è invitata

 

Approfondimento

Rembrandt Harmenszoon van Rijn, (15 Luglio 1606  - 4 ottobre 1669)  è stato un pittore e incisore olandese. Egli è generalmente considerato uno dei più grandi pittori e incisori   dell'arte europea e il più importante della storia olandese .  Il suo contributo all'arte è venuto in un periodo che gli storici chiamano l'età dell'oro olandese .

Dopo aver ottenuto un successo fin da giovane come pittore, i suoi ultimi anni furono segnati da tragedie personali e difficoltà finanziarie. Eppure le sua incisioni e i suoi dipinti furono popolari già durante la sua vita con la  fama di artista  rimasta.    Di Rembrandt i più grandi trionfi creativi sono esemplificati in particolare nei ritratti dei suoi  contemporanei, autoritratti e illustrazioni di scene della Bibbia . I suoi autoritratti possono formare una biografia unica e intima, in cui l'artista stesso si presenta senza vanità e con la massima sincerità.

Nei suoi quadri e stampe espone conoscenza della classica iconografia , che ha modellato per soddisfare le esigenze della propria esperienza, quindi, la rappresentazione di scene bibliche era costituita dalla sua conoscenza del testo specifico, la sua assimilazione della composizione classica. Per la sua comprensione della condizione umana, è stato definito "uno dei grandi profeti della civiltà".